Quali Consonanti Non si Pronunciano in Finale di Parola in Francese

Le consonanti "timide" del francese


emmental consonanti pronuncia finale parola francese
Foto di gruppo
I francesi sembrano Emmental
quando parlano: quante consonanti tralasciano! Quante consonanti che si vergognano...
Scherzi a parte, le regole da sapere sono comunque fisse e non è che potrete sbagliarvi più di tanto.
Ci sono delle lettere (sempre le stesse) che non si pronunciano quando sono alla fine di una parola.
Sono:

D P S T X Z

Trucco per ricordarsi quali sono: Ricordatevi la parola DePoSiTo in italiano, poi aggiungete X e Z in un altro angolino del cervello. Questa cosa me l'ha insegnata la prof di francese del liceo.


Esempi:

Pensate anche alla pronuncia di questo oggetto.
-Nœud [nœ --> per la pronuncia, vedi anche il post sulla pronuncia delle combinazioni di vocali in francese]
-Sirop [siró], Trop [tró]
-Lacet [lassè] (Nota bene: la finale "-et" è una "e" aperta. Come se caffè in italiano si scrivesse caffet)
-Chevaux [scévó - e quando scévó scévó!]
-Essayez [esseié]

Altre cose che non si pronunciano in finale di parola:

  • La "e muta" (e non si pronuncia in nessun caso all'interno di una parola, a prescindere dalla posizione)
  • Le "n" delle nasali (in realtà non si pronunciano mai! Abbiamo una nasale ogni volta che una vocale incontra una "n" o una "m" singole - quindi se abbiamo "nn" e "mm" il fenomeno non avviene. Ascoltate e ripetete gli esempi di questo video sulle vocali nasali per avere un'idea di quello che sto dicendo)
  • La desinenza verbale -ent è muta, non si nasalizza nemmeno. Fate conto che sia una e senza considerare le ultime due lettere! Stesso discorso per la desinenza -aient: si pronuncia solo l'ai (ils ét-aient: ilsz-étè)
  • La -r della finale del verbo all'infinito: di fatto il verbo all'infinito si conclude con una é accent aigu, all'ascolto (la parola "allé" e "aller" si pronunciano esattamente allo stesso modo). La stessa cosa accade per le parole che terminano in -ez: allez, nez [allé, né]

Come fare a capire realmente come pronunciare una parola?

Niente di più semplice: andate a ritroso

Guardate la fine della parola: 
- C'è una consonante fra le nostre D P S T X Z? Allora non pronunciate quella lettera ma solo quello che viene prima. Les modes: le mod. "modes"modes la "s" non si pronuncia --> rimane mode, la "e" non si pronuncia perché è una e muta --> abbiamo mod e si pronuncia tutto: la d in questo caso non ha problemi perché non conclude la parola. 
Queste famose lettere sono combinate e sono in fila più di una? Non le pronunciate. Fate conto che se subito prima di una delle consonanti D P S T X Z ne trovate un'altra della serie, andate alla lettera precedente e così via. Pensate alle pubblicità di Franck Provost [provó]: tolgo la t, trovo una s, tolgo la s la parola è pronunciabile fino alla o.
Nota bene: les, des, mes, ses ecc. tutte queste paroline di tre lettere con la s si pronunciano lé, dé, mé, sé, ecc.

- C'è una e muta? Pronunciate quello che viene prima. La mode: la mod.

- È un verbo e termina in -ent? Ils mangent, rimane da pronunciare il mang, il mansg.

Eccezioni

Come sempre ci sono delle eccezioni (sennò che divertimento c'è).
Il primo caso è sicuramente quello della liaison grazie alla quale due parole legate per senso si legano anche nella pronuncia (per approfondire, leggi l'articolo completo sulla liaison).
Inoltre molti monosillabi - ossia delle parole composte da una sola sillaba - prevedono la pronuncia della lettera finale. Vi segno i principali, sennò date per buono che le consonanti finali D P S T X Z non si pronunciano. Segnateveli:

  • senS (senso) [sans]
  • MarS (marzo e il pianeta Marte) [mars]
  • toP [top]
  • touS (nel senso di "tutti" pronome. Nous sommes touS [tus] , siamo tutti qua ≠ je vais à l'école tous les jours, vado a scuola tutti i giorni, dove "tous" [tù] è un aggettivo di "tutti"). Leggi l'articolo su Tout pronome, aggettivo e avverbio per approfondire
  • i numeri isolati: siX, diX, huiT (sis, dis, uìt) j'en ai dix [sgianè dis], ne ho dieci ≠ il y a dix chats [il i à dì scià] ci sono dieci gatti
  • sepT [sèt], sette
  • filS [fis], figlio. La "l" non si legge
  • pluS [plüs], quando è positivo: de plus, en plus (quando è negativo si legge [plü]: il n'y en a plus)
  • lyS [lis], giglio
  • buS [büs]: e anche autobuS
  • terminuS [teRminüs]: non è un monosillabo, ma una parola latina. Le parole latine conservano la modalità latina di lettura (nei limiti dell'accento di provenienza! :) ) Anche "bus", appena detto sopra, viene da "omnibus", ossia le prime forme di trasporto in comune dell'antica Roma. Dopo l'invenzione dei motori, è stata aggiunta la radice "auto-", ottenendo il moderno auto-bus.
  • aniS [anis]: anice. Nemmeno questo è un monosillabo, ma tant'è! Se vi interessa l'anice, vi interesseranno questi cocktail fatti con il pastiS - e anche qui si pronuncia la s!
...e se ne conoscete altre scrivetele nei commenti così poi mi batto il petto per non avervele segnalate!

Vi consiglio di prendere un testo francese a caso e provare a leggerlo. Solo con l'automatismo dato dall'esercizio le parole verranno da sé: per me ha funzionato così, quindi non vedo perché non dovrebbe funzionare anche per voi. Leggete anche le soluzioni dei dettati, confrontando la vostra pronuncia con la voce parlante.

Au revoir!

Post più popolari